Alcatel-Lucent estende la velocità della rete a 400 Gbps con un nuovo chip

Alcatel-Lucent estende la velocità della rete a 400 Gbps con un nuovo chip

La nuova generazione Gigabit è ancora lontana dall’essere una realtà per la stragrande maggioranza delle comunicazioni, ma Alcatel-Lucent sta già lavorando sulla tecnologia che consente al instradamento dati a 400 Gbps. Un nuovo processore, FP3, presentato oggi a Parigi, supporta velocità di trasmissione quattro volte superiori a quelle attualmente disponibili.

I nuovi patatine fritte integrerà il router per gli operatori dal 2012 in poi, consentendo loro di offrire servizi con una maggiore larghezza di banda e garantendo anche una riduzione del 50% del consumo di energia, garantisce l’azienda.

L’avanzamento è particolarmente importante per le esigenze delle connessioni video e un numero crescente di cloud computing, che stanno già iniziando a sovraccaricare le reti e che diventeranno più intense in futuro. Secondo i dati di Alcatel-Lucent, un singolo processore FP3 può gestirne 70 mila flussi video ad alta definizione o 8,4 milioni di sessioni commerciali nel nube.

La società era già stata in prima linea nel lancio di soluzioni 100G ed è ora la prima azienda a sviluppare la tecnologia in modo che le reti IP possano accelerare fino a 400 Gbps.

sebbene il patata fritta è stato sviluppato da Alcatel-Lcent, che ha coinvolto diversi partner nella fornitura di semiconduttori, tra cui Samsung Semiconductor, NetLogic Microsystems, Micron e Broadcom, tra gli altri, e che forniranno componenti complementari a supporto della transizione verso nuove tecnologie di rete.

Lo sviluppo del 3 ° PQ fa parte della visione di Alcatel-Lucent della rete ad alta leva, in cui la società si concentra su soluzioni per l’interesse crescente per la larghezza di banda, rendendo più facile per i fornitori di servizi monetizzare le loro offerte.