javascript contador Skip to content

Anonimo promette di “uccidere” Facebook

Attacco anonimo a siti del Regno Unito a supporto di Assange

Anonimo sta preparando un attacco su Facebook, considerando alcuni video pubblicati su YouTube, in cui il gruppo di gli hacker annuncia che condurrà un micidiale “investimento cibernetico” contro il social network creato da Mark Zuckerberg, fissato per il 5 novembre.

All’origine della decisione di procedere con “Operazione Facebook”, che promette di essere più radicale rispetto ai precedenti attacchi, in cui lo scopo era rivendicare o semplicemente “molestare”, sono le continue violazioni della privacy degli utenti, giustificano.

Nei video che circolano su YouTube, il social network è accusato di vendere informazioni ad agenzie governative e di offrire segretamente dati degli utenti a società di sicurezza “, il che consente alle persone di essere spiate in tutto il mondo”.

Si avverte inoltre che “tutto ciò che accade su Facebook rimane su Facebook”, rendendo impossibile impedire all’azienda di recuperare informazioni quando lo desidera, anche con l’account chiuso. “Facebook sa di più su di te della tua famiglia”, conclude.

Su YouTube, è possibile trovare più di un video sull’argomento. Le date più vecchie di tre settimane fa e le date più recenti di pochi giorni. Lo slogan “Siamo anonimi. Siamo legioni. Non perdoniamo. Non dimentichiamo. Aspettaci”, serve come firma.

In un altro registro, e questa volta “ufficialmente confermato”, Anonymous ha dichiarato in una dichiarazione di aver avuto accesso alla rete di computer di circa 70 sistemi di polizia statunitensi.

Si dice che il gruppo sia riuscito a raccogliere dieci gigabyte di dati tra cui e-mail, numeri di carta di credito e altre informazioni personali da parte delle forze dell’ordine locali, ha detto AP.

“Pubblicheremo un’enorme quantità di informazioni riservate che umilieranno, screditeranno e incrimineranno gli agenti di polizia in tutti gli Stati Uniti”, afferma la nota. “Vogliamo esporre la cultura corrotta insita nelle forze di polizia”, ​​aggiunge.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico