javascript contador Skip to content

Apple e Google hanno fatto causa per “corrispondenza” dei salari dei lavoratori

Apple paga $ 5 milioni per porre fine alla controversia sui brevetti

Giganti tecnologici come Apple, Google o Intel sono stati accusati di fissare artificialmente i salari pagati ai lavoratori, minando la libera concorrenza nel mercato del lavoro IT.

Secondo la causa intentata ieri in un tribunale della California, le aziende hanno concordato tra loro gli importi da pagare per il lavoro specializzato che assumono, il che significa che i lavoratori sono pagati meno di quanto potrebbero ottenere se le aziende dovessero offrire condizioni in grado di convincerli a lavorare per te e non per un concorrente.

Presumibilmente, sono stati anche firmati accordi per non reclutare dipendenti dai concorrenti, in modo che le società fossero informate quando un’offerta di lavoro era stata fatta a qualcuno (all’insaputa dell’obiettivo) e in modo che nessuna concorrente avesse fatto un’offerta. sopra l’importo inizialmente offerto.

L’accusa sostiene che i direttori di Adobe, Apple, Google, Intel, Intuit, Lucasfilm e Pixar hanno creato “una rete di accordi espliciti per eliminare la concorrenza tra loro per il lavoro qualificato” e che i lavoratori hanno diritto a un indennizzo.

“Io e i miei colleghi di Lucasfilm abbiamo utilizzato le nostre capacità, conoscenze e creatività per rendere l’azienda leader in questo settore”, difende l’ex dipendente del produttore, che ha portato il caso in tribunale.

Siddharth Hariharan ha anche affermato che è stata “una delusione” scoprire che mentre lavoravano “duramente” per creare prodotti fantastici che generassero enormi profitti per Lucasfilm, i direttori delle società stavano preparando accordi con altre tecnologie all’avanguardia per eliminare la concorrenza e limitare gli importi pagati ai lavoratori qualificato “.

L’accusa chiede che il caso sia trattato come un’azione congiunta da diversi querelanti, compresi tutti i dipendenti della società tra il 1 ° gennaio 2005 e il 1 ° gennaio 2010, che potrebbero rappresentare decine di migliaia di persone.