javascript contador Skip to content

Apple potrebbe continuare a limitare l’uso di Mac OS ai propri computer

Il fallimento di Mac OS mette a rischio le password degli utenti

Apple ha il diritto di limitare l’uso del sistema operativo OS X ai computer prodotti dalla società. La decisione della corte d’appello degli Stati Uniti è stata ascoltata questa settimana, tre anni dopo l’inizio della battaglia legale contro Psystar, un produttore di “cloni” di prodotti a base di mele.

La precedente sentenza aveva già motivato la società di Steve Jobs, ma Psystar – sebbene non si lamentasse della violazione del copyright ma accusata di aver copiato dall’hardware Apple – ha presentato ricorso contro la decisione sostenendo che le condizioni di licenza imposte per Mac OS è stato un tentativo illegale di estendere la protezione del copyright ai prodotti che non possono beneficiarne.

Psystar ha affermato che, limitando l’uso del software Apple ai prodotti fabbricati dal marchio, la società ricorreva indebitamente alla protezione che la legge prevede che il diritto d’autore falsi la concorrenza. Si noti che il produttore di “sostituti” per Mac aveva acquistato copie di Mac OS X da installare sui computer venduti.

Il giudice ha ritenuto che il concorrente non avesse fornito prove del fatto che le condizioni di licenza del sistema operativo fossero dannose per la concorrenza o la creatività.

I termini delle licenze software Apple “non limitano la capacità dei concorrenti di sviluppare il proprio software, né impediscono ai clienti di utilizzare componenti di altri marchi sui computer Apple”, ha dichiarato il giudice, citato da Ars Technica.

Ciò che Apple fa è limitare l’uso del software di marca al proprio hardware e Psystar, che produce i propri computer, è libero di sviluppare software per loro, ha concluso.

La decisione giunge al culmine di una causa iniziata nel luglio 2008, quando Apple ha chiesto a Psystar di essere condannato per aver copiato i suoi prodotti. La frase rappresenta un’importante vittoria per il produttore di iPhone, che vede confermata l ‘”intoccabilità” del suo ecosistema e il diritto di non rendere il suo sistema operativo disponibile ad altri produttori.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico