javascript contador Skip to content

Basso numero di vittime di malware in Portogallo

Oltre il 90% delle aziende ha già subito un attacco informatico

Nell’ultimo anno, il numero di computer nel paese che sono stati colpiti da minacce alla sicurezza è diminuito in modo significativo. Se nel quarto trimestre del 2009 il Portogallo era in cima ai cinque paesi che nel mondo avevano accumulato più vittime di problemi di sicurezza informatica, nel corso dell’ultimo anno questa posizione è migliorata e non è tornata nella Top 5.

In un rapporto sulla sicurezza pubblicato ieri da Microsoft (Security Intelligence Report), è emerso che i tassi di infezione nel paese sono oscillati negli ultimi sei trimestri, ma alla fine dell’anno i casi di malware erano diminuiti del 37,6 percento.

Tuttavia, i problemi più comuni rilevati nei computer portoghesi, per quanto riguarda l’ultimo trimestre del 2010, sono stati quelli che rientrano nella categoria “Software potenzialmente indesiderato”, descritta nello studio del produttore. Questo tipo di problema ha interessato il 34,7% dei computer con problemi di sicurezza, rispetto al 27% nei tre mesi precedenti.

Nome dell'immagine

Lo studio rivela anche che il phishing, sfruttando i social media, è un tipo di truffa che è cresciuto in modo significativo, dall’8,3 per cento nel gennaio 2010 all’84,5 per cento nel dicembre dello stesso anno.

Allo stesso modo, i falsi software di sicurezza o Scareware hanno acquisito importanza tra i criminali come mezzo per rubare denaro agli utenti di Internet.

I criminali informatici, d’altra parte, agiscono sempre più su due registri diversi: in modo altamente sofisticato; o usando metodi più accessibili e convenzionali.

I primi perseguono obiettivi di alto valore in cambio di ricompense significative. I secondi sono rivolti all’utente medio, sempre più indirizzati agli sforzi di frode dei criminali online.