javascript contador Skip to content

DECO avverte dei rischi di acquisizione di libri scolastici durante le aste

Il software che rende disponibili gli audiolibri agli studenti con esigenze speciali ottiene una nuova versione

La Consumer Protection Association non sostiene che il consumatore smetta di utilizzare i siti di aste per acquistare libri di testo, ma consiglia cautela se l’opzione di acquisto passa attraverso uno di questi canali.

Parlando con TSF, DECO, che oggi pubblica un’analisi sul ritorno a scuola, richiama l’attenzione sul fatto che non esiste una “regolamentazione specifica per proteggere i consumatori in situazioni di asta”. In questo modo, e in caso di problemi con la transazione, diventa più difficile far valere i diritti.

Lo stesso consiglio si applica ad altri canali online, in cui l’utente sta acquistando libri usati, che al momento dell’acquisto non possono confermare che siano in buone condizioni. La protezione dei consumatori è ancora più in gioco quando la transazione si svolge tra due persone, in quanto non rientra in una “situazione di consumo”.

Deco raccomanda pertanto la massima cura nelle transazioni effettuate su siti meno sicuri, dal punto di vista della capacità di far valere i diritti dei cittadini.

L’associazione per la tutela dei consumatori sottolinea inoltre nell’analisi pubblicata oggi che ci sono prezzi manuali che non possono essere superati, dal momento che sono stabiliti in convenzioni e sottolinea il fatto che la legislazione portoghese proibisce la vendita di manuali esclusivamente insieme. Il consumatore deve sempre essere in grado di acquistare un solo libro.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico