Edward Snowden riceve la "via verde" dell'Ecuador per viaggiare in sicurezza

Edward Snowden riceve la “via verde” dell’Ecuador per viaggiare in sicurezza

Il tecnico informatico Edward Snowden, che ha denunciato il programma di sorveglianza segreta della National Security Agency degli Stati Uniti d’America (NSA), ha ricevuto un passaggio sicuro dall’Ecuador in modo da poter viaggiare in sicurezza dall’aeroporto russo di Sheremetyevo, dove si trova zona di transito dallo scorso lunedì 24 giugno.

Il documento, apparentemente visto sulla televisione americana Univisión, e che garantisce all’ex consulente della CIA che non sarà disturbato nel suo viaggio nella capitale dell’Ecuador da truppe o autorità, è stato rilasciato dal diplomatico ecuadoriano di Londra Fidel Narváez, il anche se ha trattato l’asilo politico di Julian Assange.

La condotta sicura, nonostante sia vista come un primo passo verso la concessione dell’asilo politico, non ne è una garanzia. L’Ecuador sta ancora prendendo in considerazione la decisione e potrebbero essere necessari mesi per la decisione finale, ha affermato il ministro degli Esteri del paese sudamericano, citato da Reuters.

L’Ecuador avrebbe dato agli Stati Uniti la possibilità di sfidare l’asilo politico, con Quito che ora sta aspettando le discussioni degli americani.

Edward Snowden, che è sicuramente uno degli uomini più ricercati del momento, si trova in una zona neutrale nella città di Mosca e ha causato tensioni politiche tra Russia, Cina e Stati Uniti.

Il tecnico informatico era la persona che denunciava il PRISM, un programma segreto che monitorava il telefono e le comunicazioni online di milioni di utenti in tutto il mondo, senza che le persone ne fossero a conoscenza e senza il consenso.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico