javascript contador Skip to content

Facebook genera sempre più traffico verso i siti di notizie

Facebook genera sempre più traffico verso i siti di notizie

Facebook sta iniziando ad affermarsi come un importante generatore di traffico per i siti di notizie, portando sempre più lettori a contenuti su pagine come il New York Times, Washington Post, CNN, Reuters o The Hunffington Post (dove otto il percento dei visitatori arriva già da link condiviso sul social network).

Le conclusioni sono tratte da uno studio presentato oggi dal Project for Excellence in Journalism del Pew Research Center, che rivela che il 40 percento del traffico del sito Web di notizie proviene da riferimenti ad articoli su altre pagine.

Anche se la stragrande maggioranza dei lettori è indirizzata dal motore di ricerca di Google (30%) e Google News, i responsabili dell’analisi sottolineano la crescente importanza del social network fondato da Mark Zuckerberg.

Dei 25 siti di notizie presi di mira dallo studio, cinque di essi si sono affidati a Facebook come secondo o terzo maggiore generatore di traffico, il che induce gli analisti a dire che sta “rapidamente” diventando un concorrente in questo mercato, guidato dalla condivisione dei contenuti effettuato dai suoi utenti.

Un altro argomento in cui l’attenzione è divisa tra Google e Facebook riguarda i collegamenti di destinazione di coloro che hanno appena consultato un sito Web. Il gigante della ricerca rimane in testa, con oltre il 7 percento delle chiamate seguite dai lettori, ma gli analisti notano la rivalità tra le aziende dicendo che Google non invia utenti a Facebook e viceversa.

“Google e Facebook si stanno progressivamente posizionando come concorrenti per i contenuti sul Web”, osservano gli esperti, affermando che le aziende rappresentano ora “due modi diversi di navigare sul Web”. “Se la ricerca di notizie fosse la sviluppo più importante dell’ultimo decennio, la condivisione di notizie potrebbe essere tra le più importanti nel prossimo “, scrivono gli autori dello studio.

È interessante notare che Twitter, tendenzialmente un servizio più incentrato sulla condivisione di informazioni con un carattere attuale, non viene quasi definito un veicolo che genera traffico. Solo il Los Angeles Times ha visto arrivare oltre l’1 percento del suo traffico microblog.

Secondo gli esperti, che per nove mesi hanno incrociato le informazioni con le statistiche del pubblico Nielsen per 25 media online negli Stati Uniti, il restante 60% del traffico proviene direttamente da home page siti di notizie.

Le home page sono state anche la parte più visitata del sito in 21 dei 25 media inclusi nel campione.

Un’altra conclusione riguarda il tipo di utilizzo dei siti di notizie, con la stragrande maggioranza dei visitatori (77%) classificati come “utenti occasionali”, che visitano il servizio alcune volte al mese e dedicano solo pochi minuti ad esso. I visitatori più regolari, che ritornano più di 10 volte al mese e restano per più di un’ora, rappresentano solo il 7 percento del totale.