javascript contador Skip to content

Gartner afferma che 141 milioni effettueranno pagamenti mobili nel 2011

212 milioni pagheranno le bollette con il cellulare nel 2012

La tendenza di utilizzare i dispositivi mobili per effettuare pagamenti è già stata identificata e Gartner stima che oltre 141 milioni di utenti useranno questo sistema entro la fine dell’anno.

Sebbene i mercati emergenti si stiano evolvendo più lentamente del previsto, nel 2011 i pagamenti mobili dovrebbero raggiungere $ 86,1 miliardi, in crescita del 75,9% rispetto al 2010 .

“Nei paesi in via di sviluppo, nonostante le condizioni favorevoli per i pagamenti mobili, la crescita non è ancora forte come previsto. Molti fornitori di servizi devono ancora adattare le strategie ai requisiti locali e è improbabile che modelli di successo come il Kenya e le Filippine abbiano successo. trasposto in altri luoghi “, ammette Sandy Shen, direttore della ricerca presso Gartner.

L’elevata penetrazione dei telefoni cellulari nei paesi emergenti e la debole rete bancaria non sono una condizione per il successo se i fornitori di servizi non adattano le proprie strategie alle esigenze locali, spiega lo stesso analista.

La tecnologia NFC, che alcune aziende stanno promuovendo in questi mercati, non è ancora matura e Gartner stima che dovrebbe avere un’adozione diffusa solo nel giro di quattro anni. “La maggiore difficoltà sarà convincere gli utenti a cambiare comportamento, pagando con i telefoni cellulari invece di utilizzare contanti o carte”, giustifica Sandy She.

Per ora, i servizi di SMS e dati non strutturati rimarranno le tecnologie di pagamento mobili dominanti, non da ultimo a causa delle limitazioni delle apparecchiature disponibili nei paesi emergenti, normalmente situate nella gamma bassa dell’offerta dei produttori.

Tuttavia, ci sono buone prospettive per le transazioni mobili e il trasferimento di denaro e l’acquisto di applicazioni rimarranno le “applicazioni killer” nei mercati sviluppati. Questi due servizi hanno già rappresentato il 54% e il 32% di tutte le transazioni nel 2011 in Europa occidentale, Medio Oriente e Africa.