javascript contador Skip to content

Gartner riduce nuovamente le previsioni di vendita per il mercato dei PC

Gartner riduce nuovamente le previsioni di vendita per il mercato dei PC

Gartner ha ridotto le sue previsioni di crescita per il mercato dei PC dal 9,3% al 3,8%, una brusca revisione giustificata dal clima economico in Europa e risultati inferiori alle aspettative nel mercato di consumo nordamericano, dove ci sono indicazioni che le vendite di ritorno a scuola sono deludenti.

Il taglio delle previsioni influisce anche sulle stime per il 2012, che sono state fissate con una crescita del 12,8 per cento e ora sono state posizionate leggermente al di sopra del 10 per cento. Il consulente stima che nel 2011 le vendite raggiungeranno i 352 milioni di unità, salendo a 400 milioni nel 2012.

Secondo gli analisti di Gartner, l’Europa occidentale sta affrontando un problema di eccesso azione, che, in aggiunta alla situazione economica in molti paesi, influisce fortemente sulle vendite. Negli Stati Uniti, il mercato al consumo ha mostrato una performance più debole del previsto, con vendite basse nel secondo trimestre e segnali che il ritorno a scuola non sta stimolando la crescita nel mercato dei PC.

Ranjit Atwal, direttore della ricerca di Gartner, ammette che una previsione economica più pessimistica sta causando un deterioramento della fiducia dei consumatori in entrambe le regioni, con una spesa per PC prevista in riduzione nei mercati dei consumatori e delle imprese.

Cambiare le abitudini di acquisto e le attrezzature alternative significa che i PC non sono più il principale equipaggiamento per molti. “I tablet hanno cambiato radicalmente le dinamiche del mercato dei PC e la decisione di HP di ripensare la strategia in questo settore mostra solo la pressione che i produttori sono soggetti ad adattare o abbandonare il mercato”, sottolinea George Shiffler, direttore della ricerca.

Scritto ai sensi dell’Accordo ortografico