Sony taglia nuovamente l'accesso a PSN

Gli hacker affermano di avere dati utente PSN da vendere

I responsabili dell’attacco alla rete PlaySation stanno provando a trarre profitto dall’azione. L’allerta è arrivata da Trend Micro che dice che circolano messaggi nei forum marginali in cui si propone di vendere un database con 2,2 milioni di numeri di carta di credito, nonché nomi, indirizzi e password.

Kevin Stevens, di Trend Micro, afferma su Twitter che nei messaggi i pirati spiegano che per primi hanno offerto a Sony, per $ 100.000, le informazioni che dicono di avere in loro possesso, ma che non hanno ricevuto risposta dal produttore.

Sebbene abbia riscontrato i messaggi, l’esperto di sicurezza non è stato in grado di verificare l’esistenza del presunto database che ora vende informazioni utente critiche.

La notizia dell’attacco alla PSN ha iniziato a circolare la scorsa settimana dopo che il servizio è stato sospeso “a causa di un’intrusione”, ha affermato Sony, giustificando la decisione.

La società ha aggiornato le informazioni relative a ciò che è accaduto, in particolare sotto forma di FAQ, e in uno degli ultimi post sul blog ufficiale del servizio ha ammesso che, a causa dell’attacco, diversi dati degli utenti sono stati compromessi.

Sony consiglia pertanto ai clienti di modificare le proprie credenziali (sia su PSN che su altri servizi dove le usano) e di essere particolarmente attenti a eventuali attacchi di phishing che sfruttano le informazioni raccolte o l’uso improprio delle loro carte di credito. credito.

Secondo il produttore, il servizio dovrebbe essere nuovamente operativo all’inizio di maggio.