javascript contador Skip to content

Google costringe gli utenti a rendere pubblici i profili

Facebook non detronizza ancora Google nel numero di visitatori

A partire da agosto, tutti i profili registrati con i profili Google saranno resi pubblici. Il giorno prima, il 31 luglio, la società Internet pulirà gli archivi per eliminare tutti coloro che non si trovano in queste condizioni.

In una nota sul blog, Google spiega che attualmente la maggior parte dei profili creati sul servizio – sviluppati dal produttore per aiutare gli utenti a gestire la loro identità online e avere un certo controllo sulle loro informazioni personali visibili nei risultati di ricerca – sono già pubblici .

Inoltre, la società ritiene che “l’utilizzo dei profili Google per aiutare le persone a trovare e connettersi online sia il modo migliore per utilizzare il prodotto”, giustificando così la fine della possibilità di mantenere tutti i dati con accesso privato.

Tuttavia, l’obbligo di rendere pubblici i dati personali si estende solo al nome e al genere. Tutte le altre informazioni possono essere modificate o rimosse se l’utente non desidera condividerle.

Google Profile è consigliato a tutti gli utenti con account attivi sui servizi di Google. I dati inviati lì (come il nome) quando modificati in Profili seguono la stessa destinazione in altri servizi del produttore. Tuttavia, è possibile eliminare il profilo e mantenere attivi gli account Google.

Nota di scrittura: Aggiunto alle notizie un link alla dichiarazione di Google che spiega la decisione, giustificata da una nota su un blog come già menzionato da TeK.