javascript contador Skip to content

Google creerà un negozio di tablet online

Google deve cambiare per evitare la multa europea

Google si sta preparando a lanciare un negozio di tablet virtuale, la stampa internazionale avanza oggi, aggiungendo che è anche prevedibile che il colosso della ricerca colga l’occasione per presentare il proprio tablet.

Secondo i media come il Wall Street Journal, il nuovo sito Web è stato creato per vendere dispositivi dei produttori partner dell’azienda, come Samsung, che ha programmato per la fine dell’anno il lancio di un nuovo tablet Android: il sistema operativo mobile. promosso da Google.

La stessa fonte si riferisce alla piattaforma dello store da cui Google commercializzerà il tablet che si presume si stia preparando a lanciare “a proprio nome”.

Va notato che la possibilità di colpire un tablet con marchio Google nei negozi ha corso fiumi di inchiostro virtuale per circa due anni, ma le voci si sono intensificate negli ultimi giorni. Può darsi che non ci sia nemmeno fumo senza fuoco, ma la verità è che la società non ha fatto alcuna conferma, né a questo proposito né sull’eventuale negozio.

Questa volta, le fonti affermano che la società lancerà il suo primo tablet non appena sarà in grado di completare l’acquisizione di Motorola Mobility, che attualmente dipende solo dall’approvazione dell’autorità di regolamentazione cinese e che la società spera di poter chiudere nel corso di quest’anno.

Se le presunte intenzioni del gigante in merito alla creazione di un negozio online sono confermate, va anche ricordato che questo non sarà il primo tentativo da parte di Google di creare il proprio canale di vendita, utilizzando Internet.

La prima volta, la scommessa non è andata a buon fine. La società ha creato un sito Web per commercializzare il suo Nexus One nel gennaio 2010, ma ha finito per rinunciare e chiudere il negozio pochi mesi dopo, con la distribuzione delle attrezzature che gli operatori di telefonia mobile avrebbero dovuto garantire.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico

Joana M. Fernandes