javascript contador Skip to content

Google estende la ricerca sociale ad altre 19 lingue

Google estende la ricerca sociale ad altre 19 lingue

Alla fine del 2009, Google ha introdotto la ricerca sociale, che era accessibile solo agli utenti del suo motore di ricerca negli Stati Uniti. Ora si sta preparando a rendere disponibile “a livello globale” lo strumento che aggiunge una dimensione “sociale” alla ricerca web.

Le informazioni sono avanzate in un blog ufficiale di Google, che pianifica il lancio per la prossima settimana, senza menzionare una data specifica.

Secondo i responsabili, la ricerca sociale sarà disponibile in 19 lingue per ora, ma è prevista l’estensione ad altre. Tuttavia, le lingue coperte dallo strumento in questa prima fase non sono state dettagliate.

La funzione ti consente di sfruttare la rete di contatti online di un utente quando controlla i risultati delle ricerche effettuate su Google, utilizzando un’integrazione con altri servizi dell’azienda – come Gmail, GTalk, Buzz, Blogger – o social network esterni, come Twitter, hanno spiegato i responsabili.

I risultati raccolti su pagine di conoscenti, contenuti condivisi da loro, o anche informazioni relative agli amici, appaiono inclusi nell’elenco dei risultati di ricerca su Google, che vengono personalizzati, con preferenza data, quando si mostrano i risultati, a quelli raccolti con sulla base di informazioni pubblicate o condivise da amici.

Per questo, l’utente deve avere un account Google ed essere autenticato. Questo sarà in grado di gestire quali servizi vuoi “associare” a questa funzione, determinando così i contatti da prendere in considerazione durante la ricerca.

Per ora, è certo che Twitter è nella lista dei “partner”, come è menzionato nel messaggio online dell’azienda. Per quanto riguarda Facebook, non vi è alcun riferimento: ciò che, dato il “souring” delle relazioni tra le aziende, può significare che non verrà incluso nell’elenco.

L’annuncio arriva pochi giorni dopo che Bing di Microsoft ha lanciato una funzione che approfondisce l’integrazione tra il motore di ricerca e Facebook per includere le informazioni raccolte sul social network nei risultati di ricerca.