javascript contador Skip to content

I diritti dei musicisti sono validi per altri 20 anni in Europa

I diritti dei musicisti sono validi per altri 20 anni in Europa

Il Consiglio europeo ha approvato questo lunedì una direttiva che estende la protezione delle opere di artisti e artisti di 20 anni. I diritti degli artisti sono quindi in vigore per 70 anni, lo stesso periodo in vigore per gli autori.

Il nuovo standard è stato approvato a maggioranza, con il voto contrario di Belgio, Repubblica Ceca, Paesi Bassi, Lussemburgo, Romania, Slovacchia, Slovenia e Svezia e l’astensione di Austria ed Estonia.

In una dichiarazione, il Consiglio europeo afferma che la direttiva mira ad aumentare il livello di protezione degli interpreti, riconoscendo il valore dei loro contributi artistici e creativi.

“Gli artisti generalmente iniziano la loro carriera molto presto e gli attuali termini di protezione per 50 anni spesso non hanno coperto le loro esibizioni per tutta la vita”, giustificano i ministri dell’Unione Europea.

Gli Stati membri avranno ora due anni per attuare la nuova direttiva, afferma la dichiarazione.

La decisione è già stata accolta favorevolmente dall’IFPI, che la qualifica come “particolarmente importante” in un momento in cui Internet sta rendendo la musica ampiamente disponibile.

Il nuovo standard offre ad artisti e produttori “il trattamento che meritano” e riduce il divario tra musicisti europei e colleghi internazionali.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico