javascript contador Skip to content

I politici chiedono il rinvio della televisione digitale terrestre

I politici chiedono il rinvio della televisione digitale terrestre

Il presidente dell’Associazione nazionale dei comuni, Fernando Ruas, e il vicepresidente della Commissione politica PSD, Nilza Sena, stanno chiedendo al governo di prendere in considerazione la possibilità di posticipare l’introduzione della televisione digitale terrestre (DTT).

Va ricordato che Alenquer sarà la prima città del Portogallo a disattivare il segnale analogico, a partire da domani 12 maggio. Il processo di migrazione alla televisione digitale terrestre dovrebbe estendersi al resto del paese fino ad aprile 2012.

Secondo l’opinione del presidente dell’Associazione nazionale dei comuni, in questo momento il governo non dovrebbe prendere decisioni definitive che non siano prioritarie. “Non so se sia possibile chiedere a un cittadino di passare alla televisione digitale e pagare 200 euro. La gente non capisce. Penso che il governo dovrebbe prendere in considerazione questo”, ha commentato Fernando Ruas, citato da TSF.

Parlando con la stessa radio, il vicepresidente della Commissione politica PSD era preoccupato per il danno che il “blackout” analogico poteva provocare per la campagna elettorale.

“In questo periodo elettorale, ci possono essere famiglie che saranno o saranno private di guardare la televisione, sapendo che la televisione è una fonte preferita di informazioni politiche, potenzialmente formando opinioni”, ha spiegato Nilza Sena, sostenendo che il processo potrebbe contribuire a “un certo smobilitazione “, o addirittura” assenteismo elettorale potenziato “.

Al di fuori delle zone di prova, il segnale analogico verrà disattivato per fasi a partire da gennaio 2012, anno limite imposto dall’Unione Europea per il passaggio alla televisione digitale terrestre.

La prima fase di questo blackout è prevista per il 12 gennaio sulla fascia costiera del territorio continentale, la seconda per il 22 marzo 2012 nelle regioni autonome delle Azzorre e di Madeira, con i restanti trasmettitori e ritrasmettitori nel paese che emettono il segnale analogico fino al 26 Aprile 2012.

I televisori meno recenti non supporteranno le nuove trasmissioni della televisione digitale terrestre, che sostituiranno la televisione analogica a partire da questa data, richiedendo decodificatori, che nel frattempo sono già in vendita.

L’acquisto di decodificatori che forniscono accesso alla TV digitale, per coloro che non dispongono di televisori disposti a consentire questo cambiamento gratuitamente, saranno sovvenzionati per i beneficiari di entrate sociali da inserimento, pensionati e pensionati, nonché per i cittadini con disabilità pari o superiore a 60 per cent.

Gli ultimi dati rilasciati da Anacom indicano l’esistenza di 1,5 milioni di lettori in Portogallo che ricevono solo la televisione su canali aperti e che dovranno prepararsi alla televisione digitale terrestre.