javascript contador Skip to content

I ricavi di Vodafone calano in Europa

Vodafone pagherà 1,27 miliardi per Cable & Wireless Worldwide

Vodafone ha presentato oggi i risultati finanziari per l’anno fiscale 2010, che per la società si è chiuso il 31 marzo. I profitti globali sono diminuiti del 7,8 per cento, trainati dalla caduta degli utili sui mercati europei.

Portogallo, Spagna, Italia, Irlanda e Grecia hanno rappresentato perdite nell’ordine di 6,15 miliardi di sterline (7,05 miliardi di euro), con fattori quali l’ambiente economico e la crescente concorrenza da segnalare come determinanti.

Nel mercato domestico, la società ha perso 401 milioni di euro, anche meno rispetto alle restanti cinque periferiche.

Tuttavia, l’operatore afferma nei rapporti contabili che i cali dei ricavi da servizi sono stati inferiori a quelli presentati nel 2009, il che segna una ripresa.

A livello globale, la società ha registrato un aumento del 3,2% delle entrate annuali, che hanno raggiunto £ 45,9 miliardi (€ 52,6 miliardi).

L’utile, invece, si è attestato a 7,97 miliardi di sterline (9,13 miliardi di euro), anziché 8,65 miliardi di sterline (9,91 miliardi di euro) registrato un anno prima – che aveva stato influenzato da maggiori aumenti delle entrate, riduzioni dei costi e minori imposte.

I ricavi da servizi sono cresciuti del 2,1 per cento annuo e del 2,5 per cento nel confronto sulla base degli ultimi trimestri del 2010 e del 2009, con l’aiuto dei buoni risultati ottenuti in Africa, Medio Oriente e Asia-Pacifico.

La comunicazione dei dati è una delle aree evidenziate dal CEO di Vodafone nella dichiarazione ufficiale della società e uno dei “domini chiave” identificati per la crescita fino al 2012, come i mercati corporate ed emergenti.

I ricavi dei dati sono aumentati del 26,4 percento nell’ultimo anno, raggiungendo £ 5,1 miliardi nel 2010, in un momento in cui il 48 percento dei clienti europei aveva smartphone assumere già una sorta di piano di traffico dati.

Il funzionario afferma che la penetrazione di smartphone – considerato un fattore chiave per lo sviluppo di questa categoria di servizi – continua a crescere tra la base clienti dell’azienda.

Anche la banda larga mobile, che è ancora responsabile della maggior parte del traffico di dati sulle reti Vodafone, beneficia dello stimolo compresse, che l’operatore ritiene abbia il potenziale per diventare dispositivi di massa a medio termine.