La revisione degli studi mostra che il telefono cellulare non ha effetti dannosi

I telefoni cellulari influenzano davvero la fertilità maschile?

È un altro studio che lascia un avviso riguardo ai possibili effetti dannosi dell’uso dei telefoni cellulari, questa volta in termini di fertilità maschile. Un gruppo di ricercatori italiani sostiene che le radiazioni elettromagnetiche emesse dai telefoni cellulari possono ridurre il numero di spermatozoi, la qualità e la mobilità.

L’analisi, i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Andrology, ha tenuto conto delle precedenti relazioni sullo stesso argomento, usando per esperimento umani, ratti, topi e conigli.

I piccoli animali sono stati sottoposti a uno schema tradizionale di esposizione al campo di radiofrequenza del telefono, per un certo periodo di tempo, concludendo che la radiazione elettromagnetica riduce efficacemente il numero di spermatozoi e la mobilità e aumenta lo stress ossidativo.

Nell’uomo sono stati usati due diversi approcci sperimentali, uno che ha esplorato gli effetti delle radiazioni elettromagnetiche direttamente sullo sperma e l’altro che ha valutato i parametri dello sperma negli uomini che hanno usato un telefono cellulare e negli uomini che non lo hanno fatto.

I risultati mostrano che lo sperma umano esposto alle radiazioni emesse dai telefoni cellulari ha registrato una diminuzione della mobilità, anomalie morfometriche e un aumento dello stress ossidativo.

Negli uomini che usano il cellulare, la concentrazione di spermatozoi, la mobilità (in particolare “progressiva rapida”), la morfologia normale e la riduzione della vitalità. I risultati indicano che questi cambiamenti sembrano essere direttamente correlati alla durata dell’uso del telefono cellulare.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico