javascript contador Skip to content

Il dominio nei sistemi operativi termina XP

Mantenere XP nelle aziende è costoso e può essere frustrante per i dipendenti

Windows XP potrebbe essere l’ultimo sistema operativo ad avere una quota di mercato superiore al 50%. La versione più recente di Windows (Windows 7) dovrebbe raggiungere un massimo del 41% del mercato, meno della metà della quota raggiunta dalla versione precedente al suo apice.

Le previsioni sono elaborate da ComputerWorld, sulla base dei dati di Net Applications, e indicano che, nella migliore delle ipotesi, Windows XP ha raggiunto la sua presenza su oltre otto computer su 10 in tutto il mondo. Nel novembre 2007, la versione deteneva l’83,6% del mercato.

Sulla base della crescita media di Windows 7 negli ultimi tre mesi, si stima che il sistema operativo raggiungerà il 41% del mercato nel terzo trimestre del 2012. Successivamente, l’uso di questa versione diminuirà, con l’arrivo di Windows 8.

Nonostante tutti gli anni sia stato sul mercato e la sua quota è ovviamente in calo, Windows XP è ancora in testa tra i sistemi operativi, con i dati più recenti per il mese di maggio che indicano una quota di mercato di 52,4%.

Il grande divario tra il lancio di XP nel 2001 e il debutto di Vista alla fine del 2006, con il piccolo successo che questa versione ha finito per avere, sono i fattori solitamente presentati per spiegare la predominanza in scala e volume del vecchio sistema operativo.

Le condizioni potrebbero incontrarsi di nuovo, ma è molto improbabile che Microsoft lascerà passare così tanto tempo tra le versioni delle nuove versioni del suo sistema operativo, considera la pubblicazione nordamericana. Il ciclo di sviluppo è attualmente definito in tre anni.

Sebbene la società non abbia confermato la data di rilascio di Windows 8, la maggior parte degli esperti ritiene che la nuova versione del sistema operativo del gigante dei computer arriverà sul mercato nell’autunno 2012, ovvero quei tre anni dopo il lancio del Windows 7.