javascript contador Skip to content

Il numero di telefoni cellulari attivi diminuisce in Portogallo

La revisione degli studi mostra che il telefono cellulare non ha effetti dannosi

Il numero di telefoni cellulari attivi in ​​Portogallo è diminuito nel secondo trimestre dell’anno, secondo i dati resi disponibili oggi da Anacom. Il regolatore delle comunicazioni elettroniche ha scoperto che alla fine di giugno c’erano 13,1 milioni di apparecchiature effettivamente utilizzate nel periodo del paese.

Il dato rappresenta una diminuzione dello 0,9 per cento rispetto ai tre mesi precedenti. Rispetto agli stessi tre mesi dell’anno precedente, la tendenza è in crescita: 0,9 per cento. Escludendo gli account mobili associati a carte o modem, il numero di stazioni mobili che ha funzionato efficacemente nel periodo è stato di 12 milioni.

Tenendo conto di tutte le apparecchiature mobili attive – utilizzate e non utilizzate durante il trimestre in esame – il numero di apparecchiature è diminuito dello 0,8 per cento nel primo trimestre, ma è aumentato del 2,8 per cento nello stesso periodo, assestandosi a un totale 16,3 milioni di pezzi di equipaggiamento. In questo universo, la modalità prepagata continua a dominare, utilizzata in oltre il 70 percento degli account mobili.

I dati dell’autorità di regolamentazione mostrano anche che alla fine di giugno 10,4 milioni di clienti (due terzi dei conti mobili) erano in grado di ricevere servizi di banda larga mobile, sebbene solo 3,9 milioni effettivamente utilizzavano servizi con queste caratteristiche. Anche qui c’è stata una leggera diminuzione rispetto ai tre mesi precedenti, dello 0,9 per cento.

Durante il secondo trimestre, circa 5,4 miliardi di minuti di conversazione hanno avuto origine sulla rete mobile, quasi la stessa del trimestre precedente e il 9,5% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. 5,4 miliardi di minuti di conversazione si sono conclusi su reti mobili. Sono state effettuate oltre 2,2 miliardi di chiamate.

TMN continua a guidare il mercato, con una quota del 44 percento, Vodafone segue con il 39,2 percento e Optimus aggiunge il 15,4 percento. Degno di nota anche per Zon, che ha già ottenuto l’1% del mercato.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico