javascript contador Skip to content

Il Wi-Fi guadagna velocità e portata con nuovi standard

16,6 milioni di dispositivi connessi a reti mobili in Portogallo

È stato approvato un nuovo standard per le comunicazioni wireless. 802.22 ha già il via libera dell’IEEE e promette di affermarsi come una valida alternativa per portare Internet a banda larga nelle aree rurali dove altre tecnologie garantiscono una bassa copertura, così come nelle aree in cui Internet semplicemente non raggiunge ancora.

La tecnologia consente una copertura di circa 100 chilometri e accelera fino a 22 megabit al secondo. C’è chi lo chiama super Wi-Fi e arriva a sfruttare gli spazi vuoti esistenti tra i canali TV.

L’argomento è stato discusso a lungo, negli Stati Uniti c’è un lavoro di regolamentazione per definire i termini di utilizzo di questi spazi vuoti e l’argomento è stato studiato anche in Europa, ma l’industria audiovisiva è stata riluttante, sostenendo che la fornitura di altri servizi i dati nelle bande assegnate alla TV causerebbero interferenze.

L’IEEE garantisce che il problema è stato risolto e sebbene non si preveda che sia previsto un uso così ampio come il Wi-Fi per la nuova tecnologia, si ritiene che ciò possa dare un contributo importante nella missione di portare Internet in luoghi più remoti, anche perché è anche incluso in un intervallo di frequenza che non richiede una licenza.

“Questo nuovo standard per le reti wireless regionali (WRAN) sfrutta le favorevoli caratteristiche di trasmissione delle bande VHF e UHF per fornire accesso wireless a banda larga fino a 100 chilometri dal trasmettitore”, spiega un comunicato stampa.

“Ogni WRAN fornirà 22 Mbps per canale senza interferire con la ricezione delle stazioni TV, sfruttando i cosiddetti spazi vuoti tra i canali occupati”, spiega la stessa nota, che sottolinea l’utilità della tecnologia di cui sopra per “servire meno zone popolate, come zone rurali o paesi in via di sviluppo, dove è più facile trovare spazio libero per i canali TV “.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico