iOS 14: Apple avrebbe creato l'opzione per utilizzare le app senza doverle scaricare completamente

iOS 14: Apple avrebbe creato l’opzione per utilizzare le app senza doverle scaricare completamente

E le scoperte di 9to5Mac in relazione a iOS 14 – il sito è riuscito a mettere le mani su una raccolta del futuro sistema operativo e ne ha svelato diverse nuove funzionalità nelle ultime settimane – continuano a presentarsi. Questa volta, abbiamo qualcosa legato alla distribuzione e all’uso delle app sul sistema operativo.

Le nuove informazioni mostrano che Apple avrebbe lavorato su un modo per offrire la possibilità di usa parti specifiche di app senza doverle installare. Se confermata, la funzione consentirà agli utenti di accedere ad alcune funzionalità di app di terze parti semplicemente scansionando un codice QR.

Attualmente, se si apre un collegamento o si esegue la scansione di un codice QR per un’app installata, tale app è aperta; se non hai installato l’app, verrai quindi reindirizzato a Safari. Ed è esattamente ciò che potrebbe cambiare grazie a una nuova API chiamata internamente “clip” ( “clip”).

La funzione in sé non è una grande novità nel mondo mobile. Nel 2018, Google aveva già fatto qualcosa di simile su Android con una funzione chiamata fette.

Ma torniamo alla funzionalità iOS: tramite questa API, gli sviluppatori saranno in grado di offrire contenuti interattivi e dinamici dalle loro app, anche se l’utente non ha tale app installata. Almeno nell’analisi fatta da 9to5Mac, questa funzione sarebbe direttamente collegata a questo lettore di codici QR – solo allora l’utente potrà scansionare il codice collegato all’applicazione per interagire con esso.

È difficile da capire? Ecco un esempio di come potrebbe funzionare:

Supponiamo che tu abbia un codice QR con un collegamento a un video di YouTube, ma non hai l’app ufficiale installata sul tuo iPhone. Con iOS 14 e l’API “Clip”, puoi scansionare questo codice e il video verrà riprodotto su una scheda mobile che mostra un’interfaccia utente nativa invece di una pagina web.

Inoltre, secondo il sito Web, gli sviluppatori dovranno specificare quale parte dell’app deve essere scaricata da iOS come pacchetto OTA (nell’aria). La scheda mobile con il pezzo dell’app avrà un’opzione per l’utente di scaricare la versione completa dell’app sull’App Store o aprire questo contenuto con l’app, se installata su iPhone / iPad.

Apple avrebbe già testato questa API su alcune app come OpenTable, Yelp, DoorDash, PS4 Second Screen e, naturalmente, YouTube – forse usando queste app come esempi da seguire nel keynote di apertura per WWDC 2020, che si svolgerà a giugno.