javascript contador Skip to content

La CE ascolta il mercato in base alle condizioni di accesso alla rete dell’operatore storico

La CE vuole andare avanti con la condivisione dello spettro

La Commissione europea è avanzata oggi con due consultazioni pubbliche volte a raccogliere opinioni di mercato sulle condizioni di accesso degli operatori alternativi alle reti fisse e a banda larga di operatori storici.

Una delle consultazioni in questione si riferisce alla non discriminazione nell’accesso di operatori alternativi alle infrastrutture e ai servizi degli operatori dominanti. L’altra consultazione pubblica, avviata oggi, chiede una valutazione di come i regolatori nazionali calcolano i prezzi pagati dagli operatori per l’accesso all’ingrosso a tali reti.

Le iniziative, che dureranno fino al 28 novembre, fanno parte di una serie di misure europee volte a rafforzare il mercato unico delle telecomunicazioni e dei servizi elettronici. I risultati delle consultazioni sosterranno nuove raccomandazioni che attuano misure correttive e di controllo dei prezzi, come giustificato dalla CE in un comunicato stampa.

Nella stessa nota, la CE sottolinea che la coerenza normativa e la chiarezza nella regione sono un elemento critico, in un momento in cui sono in corso importanti investimenti in fibra ottica.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico