javascript contador Skip to content

La frode di eBay provoca 90 arresti in Romania

La frode di eBay provoca 90 arresti in Romania

La polizia rumena ha arrestato ieri 90 persone sospettate di essere coinvolte in frodi su eBay e Craigslist. Il primo leader mondiale nelle aste online e il secondo più grande sito di annunci in Nord America.

Le autorità ritengono che negli ultimi due anni i sospetti abbiano ingannato più di 1.000 utenti su entrambe le piattaforme, pubblicizzando e vendendo prodotti che non esistevano. Circa 20 milioni di dollari saranno stati aggiunti alla frode.

Il denaro pagato per i prodotti pubblicizzati su entrambe le piattaforme proveniva principalmente dagli Stati Uniti, dove entrambi i siti hanno un numero maggiore di clienti e dove hanno sede. Da lì, è andato in Romania.

“Tra il 2009 e il 2011 i sospetti avranno ingannato gli acquirenti online vendendo articoli falsi (automobili, motociclette, apparecchiature elettroniche …)”, confermano le autorità rumene, in una dichiarazione citata dalla France Press Agency.

Nell’operazione che ha portato all’arresto di 90 sospetti, accusati di frode informatica e associazione criminale, sono state condotte ricerche in 117 località in diverse città rumene.