javascript contador Skip to content

La polizia inglese detiene sospetti attacchi a Sony e CIA

La polizia inglese detiene sospetti attacchi a Sony e CIA

La polizia inglese ha annunciato oggi l’arresto di un ragazzo di 19 anni sospettato di partecipare pirateria e denial of service (DDoS). Secondo i media internazionali, è ritenuto uno dei responsabili degli attacchi ai sistemi informatici di Sony e al sito Web della CIA.

L’arresto è avvenuto ieri sera, a seguito di un’operazione pianificata in anticipo e condotta congiuntamente dalla polizia metropolitana e dall’unità criminale informatica dell’FBI. Il sospettato è detenuto in una stazione di polizia di Londra per dichiarazioni.

Secondo l’Associated Press, a seguito dell’arresto, avvenuto nella città di Wickford, a circa 55 chilometri dalla capitale inglese, è stata sequestrata anche una “quantità significativa di materiale” per le indagini.

La possibilità che il giovane faccia parte del gruppo LulzSec – che ha sostenuto gli attacchi ai siti Web della Sony e del Senato USA o della CIA, ad esempio – è stata sollevata un po ‘ovunque, ma la polizia non ha confermato la connessione.

Servizi come Sky News hanno persino riferito che il detenuto in questione è il leader del gruppo di hacking, ma la possibilità sembra essere stata esclusa dall’organizzazione, sul suo profilo Twitter.

“Sembra che il glorioso leader di LulzSec sia stato arrestato. Tutto finirà ora. Ma aspetta lì … siamo ancora qui! Chi avrebbe potuto essere il bastardo che hanno arrestato?” inviare pubblicato oggi.

Il gruppo è stato particolarmente attivo nelle ultime settimane. I server del Senato degli Stati Uniti e Bethesda Softworks, il sito web del canale televisivo PBS e la CIA, Nintendo e Infragard, una società che lavora a stretto contatto con l’FBI, sono alcuni degli esempi di azioni rivendicate da questo collettivo di gli hacker, che ieri ha avvertito di non aver ancora annunciato tutti gli attacchi.