javascript contador Skip to content

La Spagna approva la banda larga universale

Maggio è stato il mese preferito per navigare in Internet in Portogallo

La Spagna ha fatto un altro passo nel processo di approvazione di nuove regole per il concetto di servizio universale per le comunicazioni elettroniche. Il Consiglio dei ministri ha approvato l’inclusione della banda larga in questo concetto, il che significa che qualsiasi cittadino locale avrà il diritto di accedere a una connessione Internet a banda larga, indipendentemente dall’area del paese in cui risiede.

Questa modifica, che equivale al diritto alla connettività Internet a banda larga al diritto alla connessione telefonica dalla rete fissa, stabilisce un throughput minimo di 1 Mbps per il servizio e nei prossimi mesi arriva sul campo.

Secondo le informazioni ufficiali, la misura andrà a beneficio di 350 mila famiglie, attualmente senza accesso alle connessioni a banda larga.

Il governo spiega inoltre che la nuova legislazione garantisce che chiunque desideri avere accesso a Internet sarà in grado di contrarre il servizio con una velocità minima garantita, senza essere obbligato ad abbonarsi a servizi aggiuntivi.

Le nuove regole saranno ora pubblicate nella gazzetta ufficiale. Successivamente, inizierà il processo che consentirà di scegliere l’operatore responsabile della fornitura del servizio universale.

Quando la misura è operativa, l’operatore responsabile della fornitura del servizio universale ha un periodo massimo di 60 giorni per rispondere alle richieste dei clienti.