javascript contador Skip to content

L’attacco a PSN mette a rischio i dati bancari degli utenti

Gli hacker preparano un nuovo attacco a Sony

In una dichiarazione ufficiale sull’attacco alla PlayStation Network, Sony anticipa la scadenza di una settimana per il ripristino di “alcuni servizi” e avverte che “sebbene non ci siano prove fino ad oggi che i dati della carta di credito siano stati rubati, la possibilità non può essere esclusa “.

L’ultimo aggiornamento relativo ai problemi con il servizio di supporto online per le console del produttore è stato pubblicato sul blog ufficiale alla fine di ieri, con la società che ammette che, a causa dell ‘”intrusione illegale e non autorizzata” nei suoi sistemi , diversi dati utente sono stati compromessi.

Informazioni come nome, indirizzo, e-mail o nome utente e password per l’autenticazione PSN saranno state compromesse durante l’attacco, dettagli della nota dell’azienda, ma è anche possibile che gli intrusi abbiano avuto accesso ai dati dell’account come la cronologia degli acquisti , indirizzi per i pagamenti di fatturazione o domande per il recupero di Le password.

La società consiglia ai clienti di modificare le proprie credenziali (sia su PSN che su altri servizi dove le usano) e di essere particolarmente attenti a eventuali attacchi da parte di phishing che sfruttano le informazioni raccolte o l’uso improprio delle loro carte di credito.

È stato inoltre aggiunto che l’attacco è avvenuto tra il 17 e il 19 aprile e una società di sicurezza è stata assunta per indagare sull’incidente, a seguito della quale è stato deciso di rafforzare la sicurezza ristrutturando il sistema stesso, che ha impedito l’accesso al servizio da il 20.

Sony non ha ancora commentato i danni o i costi associati all’incidente, ma l’attacco ha lasciato circa 77 milioni di utenti PSN (32 milioni dei quali in Europa) incapaci di giocare o acquistare giochi online. L’amministratore del dipartimento tecnologico di Application Security, uno dei maggiori produttori nordamericani di software di sicurezza per database, ha classificato la situazione come “uno dei peggiori fallimenti degli ultimi anni”, cita l’Associated Press.