javascript contador Skip to content

Lo spin off di Caixa Mágica testa l’implementazione di Aptoide dalla Silicon Valley

Lo spin off di Caixa Mágica testa l'implementazione di Aptoide dalla Silicon Valley

Dopo aver presentato Bazaar at Codebits – un negozio di applicazioni Android indipendente basato sull’installer di Aptoide – Caixa Mágica ora fa un nuovo passo verso la sua crescita con la creazione di uno spin off nella Silicon Valley, dove avrà il prossimo Lunedì una presenza diretta.

“La nostra visione è quella di rendere Bazaar il più grande mercato di applicazioni Android al di fuori del dominio di Google”, ha spiegato Paulo Trezentos, CTO di Caixa Mágica, durante il suo discorso alla conferenza Linux 2001, che si è svolta oggi a Lisbona.

Il progetto è globale ed è già disponibile in 7 lingue, con oltre 10.000 utenti e 14.000 applicazioni Android, ma il CTO di Caixa Mágica e un ricercatore ADETI ritiene che il potenziale sia molto maggiore e che la presenza nell’incubatrice Centro Plug & Play nella Silicon Valley.

bazar

Paulo Trezentos ha indicato Bazaar come esempio dei risultati pratici della scommessa sull’innovazione che l’azienda ha fatto, attraverso la partecipazione a numerosi progetti internazionali e in consorzi.

In una recensione dei 20 anni di Linux e 13 anni in Portogallo segnati dall’inizio in una conferenza tenutasi all’ISCTE che è stato “un successo con la presenza di 25 persone”, Paulo Trezentos ha anche sottolineato progetti che hanno avuto successo, come Caixa Mágica e dual avviare sul laptop Magalhães e altri che sarebbero finiti sulla strada, come l’idea di creare il portale Linux.pt. Una “visione personale” che condividerai con i lettori di TeK in un articolo di opinione che pubblicheremo domani.

Tra le novità che il CTO di Caixa Mágica ha portato a Linux 2011 c’è anche la scommessa sulla certificazione LPI, che la società ha assunto dopo che DRI ha abbandonato il progetto e con la quale intende promuovere una maggiore credibilità per i professionisti nell’area aperta fonte.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico