javascript contador Skip to content

L’orario DTT rimane invariato

6 milioni di guide informeranno le famiglie sulla DTT

L’incontro che ieri ha riunito il Ministro degli affari parlamentari e le varie entità legate al processo di migrazione alla televisione digitale terrestre si è concluso in modo inclusivo, hanno già affermato alcuni oratori.

Resta da stabilire se la data impostata per lo spegnimento del segnale televisivo analogico rimane o viene modificata. Mancano sette mesi alla data stabilita dalla direttiva europea per la spegnere e il ministro avrà qualche dubbio sulla capacità di risposta del settore.

“È stato un incontro di lavoro con il ministro per discutere di vari argomenti relativi alla TDT e al momento non ci sono conclusioni da riferire”, ha riferito Pais do Amaral, presidente non esecutivo di Media Capital al termine dell’incontro, come Diário Económico.

Il presidente dell’altro gruppo televisivo privato in Portogallo, Pinto Balsemão, ha garantito nelle stesse circostanze che i televisori non hanno chiesto al governo di rinviare il spegnereriferisce il Jornal de Negócios. La dichiarazione reagisce alle dichiarazioni del ministro, prima della riunione, affermando che gli operatori televisivi volevano un ritardo nel spegnere.

L’incontro con Miguel Relvas sarà servito non solo per discutere le date previste per lo spegnimento del segnale televisivo analogico, che per la regione costiera del paese è prevista prima di aprile 2012, data in cui l’intero paese si unisce all’abbandono digitale sicuramente il segnale analogico. Sulla costa, questo cambiamento è già arrivato il 12 gennaio.

L’incontro servirà anche a rimettere in discussione le questioni relative al contenuto e agli incentivi per la migrazione alla DTT (limitatamente a gruppi specifici della popolazione). Nel primo caso, è noto che un’offerta di contenuti più completa di quella attuale è stata compromessa quando il progetto del 5 ° canale è andato in pezzi.

Tuttavia, lo spettro è disponibile per espandere l’offerta di contenuti, anche perché PT – che sarà responsabile della fornitura di DTT – ha restituito la licenza che avrebbe ospitato un’offerta a pagamento supportata dalla tecnologia. La società ha suggerito all’epoca che lo spettro venisse utilizzato dagli operatori TV per offrire contenuti ad alta definizione, ma finora non è stato raggiunto un accordo in merito.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico