javascript contador Skip to content

Magalhães confermato in più scuole sudamericane

Magalhães confermato in più scuole sudamericane

La Bolivia è la più recente aggiunta al gruppo di paesi che ha deciso di adottare il progetto portoghese, per l’area dell’educazione, per l’uso diffuso dei computer nelle scuole.

L’interesse della Bolivia per l’e-school e l’e-school era evidente da circa un mese, quando una delegazione di quel paese sudamericano si recò in Portogallo per visitare le strutture di JP Sá Couto, responsabile dello sviluppo di Magalhães, porto -standard del programma -, con l’obiettivo di conoscere meglio il computer e la sua applicazione pratica.

Il gruppo boliviano è stato presentato al progetto nei suoi diversi aspetti, seguito da una visita alle strutture in cui vengono prodotti i computer portatili, ha detto all’epoca la società portoghese.

“Il governo della Bolivia ha già espresso, in diverse occasioni, un interesse a lavorare con il Portogallo nello sviluppo di un programma per l’uso di massa di computer e tecnologie associate alla comunicazione”, ha detto il segretario di Stato Paulo Campos a Lusa. “Abbiamo già avuto una serie di visite di lavoro e, al momento, abbiamo una delegazione portoghese in Bolivia per porre fine all’accordo”.

Il politico, che rappresenterà il governo portoghese alla firma dell’accordo, che avrà luogo a La Paz, ha spiegato che la questione è “un trasferimento di” know how “dal Portogallo in merito al programma di massificazione informatica, nonché la partecipazione di un gruppo delle imprese nello sviluppo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione associate al settore dell’istruzione in Bolivia “.

Senza voler entrare nei dettagli, Paulo Campos ha affermato che saranno firmati accordi tra entità in Bolivia e “un gruppo di società associate alla tecnologia dell’informazione, incluso il computer Magalhães, nel senso della partecipazione delle società portoghesi allo sviluppo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. “in quel paese.

La firma degli accordi ha luogo questo venerdì e sarà presente il presidente della Bolivia, Evo Morales.

La Bolivia si unisce quindi a paesi come Venezuela, Uruguay e Ungheria, dove Magalhães è attualmente presente.