javascript contador Skip to content

Mozilla prepara il sistema operativo mobile basato sul web

Mozilla aprirà il negozio di applicazioni agli sviluppatori

Mozilla sta lavorando allo sviluppo di un sistema operativo aperto e basato sul web, una fonte della fondazione rivelata ieri in un gruppo di discussione per gli sviluppatori che collaborano con il creatore di Firefox.

Il progetto che Mozilla chiama “Boot to Gecko” si basa sul motore di rendering Gecko, utilizzato in del browser Firefox e il servizio di posta elettronica Thunderbird, ed è principalmente rivolto a dispositivi mobili, come ad esempio smartphone e compresse.

L’obiettivo è quello di creare “un sistema operativo completo e indipendente per un Web aperto”, rompendo il “collo di bottiglia delle tecnologie proprietarie nel mondo dei dispositivi mobili”, afferma Andread Gal, uno dei ricercatori di Mozilla, avvertendo che questo ancora in una fase molto precoce.

“Alcuni dei suoi componenti sono ancora solo nelle nostre teste, altri non sono ancora stati esplorati completamente. Ne stiamo parlando ora perché vogliamo fare affidamento sulla conoscenza di tutti in Mozilla – e delle persone che non fanno ancora parte di Mozilla – per aiutare a dare forma e costruisci il progetto che stiamo preparando “, spiega.

Parte di Boot to Gecko – il cui codice sarà reso disponibile “in tempo reale” man mano che vengono fatti progressi – si basa sul sistema operativo mobile di Google, ma solo per quanto riguarda il kernel (o core) e autisti, un’opzione che garantisce la compatibilità con i dispositivi Android.

Lo sviluppo dovrebbe prima passare attraverso la creazione di una piattaforma con la capacità di eseguire le funzioni di base di un dispositivo mobile (chiamate, SMS, fotocamera, USB, Bluetooth) e API per gestirle. L’obiettivo è quindi quello di trovare un modo per le pagine Web e le applicazioni di accedere in modo sicuro ai componenti di cui hanno bisogno, consentendo così la creazione di applicazioni native che vengono eseguite direttamente dal Web anziché essere disponibili su pochi dispositivi.

Chi vuole avere un’idea di cosa aspettarsi, può immaginare, in una fase iniziale, qualcosa di simile a smartphone con Firefox per Android come schermata principale, con alcune API personalizzate.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico