javascript contador Skip to content

Prossimità e innovazione contraddistinguono il percorso di SAPO

Prossimità e innovazione contraddistinguono il percorso di SAPO

Non ci sono molti progetti periferici che sono riusciti a mantenere la leadership locale in un Internet sempre più globale, in cui le grandi aziende estendono il loro dominio in modo schiacciante. Ma nonostante l’ingresso di Google e Microsoft nel “terreno” portoghese, SAPO rimane il leader del pubblico e con un’importante quota del mercato della pubblicità display online, 16 anni dopo il suo lancio come directory di puntatori portoghesi.

Le cifre di Marktest indicano una leadership eccezionale: oltre 37,5 milioni di visite e oltre 174 mila pagine visualizzate sulla homepage e sui servizi solo a luglio. I dati provengono da Netscope, lo strumento di misurazione del traffico della società di analisi di mercato a cui partecipano altri importanti attori di Internet portoghese.

La leadership aumenta di peso quando vengono contati tutti i siti integrati in SAPO (incluso TeK). Qui, ci sono oltre 63,4 milioni di visite e 417 milioni di pagine visualizzate, molto più avanti di altri gruppi di media, come Cofina, RTP e Motorpress. Anche così, in termini di domini più accessibili è dietro Google.pt, Facebook e Google.com.

I dati relativi agli investimenti pubblicitari online non sono noti. SAPO non li divulga e non esistono dati affidabili sul mercato che possano essere citati. Ma la leadership nella pubblicità display online (presentazione di annunci) è indiscussa, così come la quota crescente che assume nelle applicazioni mobili.

Tiago Silva Lopes, direttore di SAPO, non ha dubbi nel sottolineare come fattori di successo negli ultimi 16 anni la capacità che il progetto ha dovuto adattare alle esigenze e all’evoluzione dell’uso di Internet in Portogallo. Da una directory il progetto si è evoluto in un motore di ricerca e successivamente in un portale, aggiungendo contenuti e servizi, che hanno già superato la piattaforma web e sono su telefoni cellulari, tablet e televisione.

Anche la struttura è cambiata molto. Da un progetto universitario nato nel 1995 all’Università di Aveiro, SAPO, SAPO è diventata una società, con la creazione di Navegante, che nel 1998 passò al dominio di Sabre & Lazer e nel 1999 fu acquistata da Portugal Telecom. Oggi il team ha più di 300 persone e decine di partner che ogni giorno realizzano il portale e le applicazioni relative al marchio.

rana nel 1998

“È una sfida costante”, ipotizza Tiago Silva Lopes, che nota come i principali cambiamenti negli ultimi anni l’internazionalizzazione del progetto a Capo Verde, Angola, Mozambico e Timor – dove le stesse linee guida miravano ad adattare il contenuto e stabilire partnership locali – e la scommessa su contenuti e servizi multipiattaforma, come il dominio di telefoni cellulari e tablet ma anche di televisione, in cui SAPO è presente tramite IPTV di MEO e SmartTV di Samsung e LG.applicazioni rana

Data la capacità di Internet di reinventarsi permanentemente, Tiago Silva Lopes non rischia alcuna proiezione per i prossimi 16 anni. “Un anno su Internet equivale a quattro anni in un’attività offline”, spiega. Le tendenze sono dettate a livello globale ma SAPO promette di essere attenta e di investire in contenuti e progetti portoghesi di qualità, adattando la propria offerta agli interessi e alle esigenze degli utenti.

“Ci sono tre linee principali che continueranno a guidare SAPO: vogliamo essere una società agile e anticipare le reazioni del mercato con strumenti, contenuti e servizi di cui i consumatori hanno bisogno e come vogliono; continueremo a investire fortemente in prossimità e identità nei nostri progetti, adattandoci alle specificità e contestualizzando la realtà con le informazioni locali; non vogliamo smettere di investire in innovazione, ricerca e sviluppo, nonché cercare progetti che possano essere leader mondiali “, spiega Tiago Silva Lopes, ricordando che SAPO ha sviluppato alcuni progetti innovativi in ​​tutto il mondo, come per esempio l’Edicola.

Le prospettive sono ottimistiche, anche con l’attuale scenario economico, soprattutto in termini di crescita della pubblicità e del commercio elettronico. Sebbene sia già a capo del mercato della pubblicità display online, il direttore di SAPO ritiene che ci sia un grande potenziale di crescita, principalmente perché il livello di investimento è ancora lontano dal raggiungere i tassi raggiunti in altri paesi, dato l’elevato utilizzo di Internet.

Fatima Hunter

Scritto in base al nuovo accordo ortografico