javascript contador Skip to content

Quest’anno 20 mila clienti bancari sono stati vittime di attacchi informatici

Adidas vittima di "attacchi informatici sofisticati e criminali"

Dall’inizio dell’anno, la polizia giudiziaria ha già individuato 40 piani di frode rivolti ai clienti dei vari istituti bancari presenti in Portogallo.

Secondo un articolo pubblicato dal Correio da Manhã, 20.000 clienti sono stati colpiti dalle truffe identificate dalla polizia e queste azioni provocano una deviazione annuale di circa 7,5 milioni di euro.

Verranno inviati i metodi più utilizzati messaggi di posta elettronica che nascondono programmi progettati per raccogliere informazioni riservate, nonché l’uso della creazione di siti che dovrebbero essere servizi di noleggio, in cui la registrazione richiede la fornitura di alcuni dati personali, vale a dire il NIB.

Nell’ottobre dello scorso anno, in una presentazione alla stampa, Rogério Bravo, ispettore capo della magistratura ha confermato che il phishing, pedofilia online e puro crimine informatico (come pirateria) sono stati i tre tipi di eventi che hanno dato origine a reclami nei confronti del PJ, nell’ambito del crimine informatico.

Solo nella directory di Lisbona e Vale do Tejo, nel 2009, il PJ ha risposto a 600 casi, nella sua divisione dedicata al crimine informatico. Nel 2010, e fino ad ottobre, la stessa directory aveva già in mano più di mille casi.

I dati del rapporto sulla sicurezza di Symantec dell’anno scorso indicano che il 65% degli utenti di Internet in tutto il mondo sono già stati vittime del crimine informatico. Di queste vittime, il 51% è stato preso di mira da virus o altri malware, circa il 10% è stato coinvolto in truffe online e meno del 10% è stato preso di mira da phishing, frode con carta di credito, tra le altre minacce.