javascript contador Skip to content

RIM può contestare i brevetti di Nortel con Google

I risultati RIM superano le aspettative

RIM è il più nominato nell’elenco dei potenziali investitori interessati ad acquisire il portafoglio brevetti della società canadese di telecomunicazioni Nortel, che ha presentato istanza di fallimento nel 2009.

Dopo che Google ha annunciato all’inizio di questo mese che era disposto a pagare $ 900 milioni per i brevetti di telecomunicazioni canadesi, anche il produttore di BlackBerry prenderà in considerazione la possibilità di presentare una proposta per coprire l’offerta del gigante della ricerca.

L’informazione è avanzata dall’agenzia Bloomberg, che cita “due persone con conoscenza dei piani”, senza essere in grado di identificare i nomi perché “i piani non sono ancora pubblici”, aggiunge.

In questione è l’acquisizione di un portafoglio di circa 6 mila brevetti registrati nell’area delle comunicazioni wireless, nonché delle domande di registrazione in corso.

Google e RIM non saranno i soli interessati al catalogo dell’azienda canadese, con un valore stimato di circa $ 1 miliardo. Secondo quanto è stato scritto, a dicembre, sul Digital Daily, il blog specializzato del Wall Street Journal, nomi come Nokia o Apple parteciperanno anche ai brevetti Nortel.

Google ha ammesso che l’acquisto aveva lo scopo di dissuadere i concorrenti dalle future azioni legali su questioni di proprietà intellettuale, mentre il CEO di RIM Mike Lazaridis aveva definito la collezione un “tesoro nazionale”, ha affermato la stampa internazionale.

Nell’elenco delle registrazioni detenute da Nortel sono, ad esempio, i brevetti per il trasferimento video wireless o le tecnologie LTE, considerati preziosi dal settore.