javascript contador Skip to content

Samsung lancia “movimento per la creatività in Portogallo”

Samsung lancia "movimento per la creatività in Portogallo"

Samsung ieri ha presentato la SIM – Movement for Creativity in Portogallo. L’iniziativa mira a sostenere la creazione di progetti che combinano creatività e tecnologia e che hanno il potenziale per essere finanziariamente sostenibili.

“In un momento in cui il sostegno ai progetti nazionali è sempre più importante, crediamo che la creatività e il sostegno alle industrie creative, combinate con la tecnologia, siano un motore importante per lo sviluppo e il futuro dell’economia nazionale”, ha affermato Pedro Gândara, responsabile strategia di marketing aziendale nel paese.

Il produttore propone quindi, “attraverso diverse partnership”, di aiutare a “dare impulso a iniziative che uniscono creatività e tecnologia, al fine di offrire un’esperienza diversa a un pubblico diverso”, ha aggiunto il funzionario.

Il posizionamento di strumenti tecnologici a disposizione dei creatori, il miglioramento dell’uso di nuove lingue, piattaforme e interfacce è stato uno dei vantaggi aggiuntivi evidenziati da Guta Moura Guedes, responsabile di Experimenta Design e invitato a sostenere il movimento.

L’imprenditrice ha anche sottolineato l’importanza di non dimenticare la fattibilità economica dei progetti e di non dissociare cultura e creatività dall’industria e dall’economia e la capacità di generare ricchezza per il paese.

La coppia di creatori nazionali Storytailors ha anche descritto quanto sia difficile trovare qualcuno che aiuti a strutturare un progetto quando si tratta di mettere in pratica le idee e l’importanza di questa dimensione nella sua evoluzione.

Nuove tecnologie e applicazioni digitali, moda, architettura, arti dello spettacolo, cinema, televisione e radio, arti visive e design sono alcune delle aree che mirano a rafforzare il campo di applicazione della SIM, il cui primo progetto è stato presentato ieri: la mostra “64-BITS “di André Sier.

Le opere vengono create sul posto, utilizzando le informazioni del vento (macchina del vento a 32 bit) e del movimento delle persone (macchina della differenza a 32 bit).

La Difference Machine a 32 bit è un pezzo interattivo composto da un computer, una stampante e una videocamera. La telecamera cattura il movimento della strada e l’interno della galleria e i movimenti sono interpretati dal computer, che gestisce una “macchina per dipingere”, come spiegato nel comunicato stampa.

La macchina del vento è composta da un computer e uno schermo al plasma installati all’interno della galleria e un sensore del vento sul tetto dell’edificio, che raccoglie informazioni che vengono trasmesse al computer per generare un’immagine.

La mostra è aperta per altre cinque settimane, presso la Galeria Who, a Bairro Alto (Lisbona), ma la società ha chiarito che l’idea non è quella di centralizzare i progetti sostenuti a Lisbona e Porto, cercando invece di dare spazio alle idee provenienti da tutto il mondo. Paese. Chi è interessato a presentare progetti o dare seguito a iniziative in corso può farlo attraverso il sito web del Movimento.