Samsung prova a dimostrare che la strategia di Apple ha aiutato Galaxy a crescere

Samsung prova a dimostrare che la strategia di Apple ha aiutato Galaxy a crescere

Nel processo in corso negli Stati Uniti, Apple e Samsung presentano argomenti a sostegno delle rispettive posizioni e che giustificano la già lunga battaglia legale che ha coinvolto le due società.

Apple afferma che Samsung copia i suoi prodotti e Samsung si difende accusando il rivale di violare anche la sua proprietà intellettuale. Lo scambio di accuse si è trasformato in azioni legali in diversi paesi e negli Stati Uniti è culminato in un processo che è servito a rivelare informazioni dalle due società e alcuni dati curiosi.

Uno studio condotto nel 2010 è stato presentato come prova del processo, che aiuta a smantellare alcuni degli argomenti di Apple nel caso, dimostrando che i consumatori sanno come differenziare i prodotti delle due società. Che il loro interesse principale sia quello di garantire l’accesso alle ultime tecnologie e che il fatto che siano obbligati a cambiare operatore per garantire l’accesso a un prodotto, può farli optare per la concorrenza.

Il sondaggio è stato commissionato da Apple nel 2010 (rivolto solo al mercato nordamericano) e rilasciato internamente alla società all’inizio dello scorso anno. Ieri è stato presentato come prova da Samsung, come riportato da C | Net.

Il sondaggio indica che il 48% dei consumatori ha acquistato un dispositivo Android, il sistema operativo utilizzato da Samsung sulle linee Galaxy, in modo che possano rimanere con lo stesso operatore mobile e non dover cambiare. Ricordiamo che Apple ha scommesso prima su una partnership con un singolo operatore mobile americano e solo successivamente ha cambiato la sua strategia.

I dati dello stesso studio mostrano anche che il 36% dei consumatori ha optato per Android quando ha scelto uno smartphone perché si fida del marchio Google e il 26% perché voleva garantire una migliore integrazione con i servizi del gigante di Internet.

Già il 30% ha sottolineato che preferivano schermi di grandi dimensioni e che il fatto che i dispositivi Android facessero quella scommessa li ha aiutati a decidere, mentre il 26% afferma di aver semplicemente scelto l’apparecchiatura che sembrava più innovativa al momento dell’acquisto.

Con la presentazione dello studio, Samsung vuole dimostrare che le priorità e le ragioni dei consumatori sono legate a fattori diversi dalla somiglianza tra i modelli dei due produttori.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico

Cristina A. Ferreira