Smartphone con riconoscimento dei gesti in arrivo?

Smartphone con riconoscimento dei gesti in arrivo?

Qualcomm ha annunciato lunedì di aver acquistato una parte delle attività di Gesture Tek, una società specializzata nello sviluppo di tecnologie per il riconoscimento dei gesti. La tecnologia è destinata alla linea di processori Qualcomm per dispositivi mobili.

L’obiettivo è integrare la tecnologia di riconoscimento dei gesti nella gamma di processori Snapdragon “, offrendo agli OEM la capacità di produrre smartphone, compresse e apparecchiature per l’intrattenimento domestico con interfacce basate su gesti umani “, spiega la società in una dichiarazione ufficiale.

Questi processori “stanno aprendo una gamma completamente nuova di possibilità per quanto riguarda i modi in cui gli utenti possono interagire con i loro dispositivi mobili e di intrattenimento”, con l’acquisizione “rafforzando il portafoglio di prodotti Qualcomm per smartphone e consentire ai nostri clienti di lanciare prodotti con nuove esperienze utente interessanti “, afferma Steve Mollenkopf, vicepresidente esecutivo dell’azienda.

Il produttore acquisisce alcuni dei beni di proprietà intellettuale relativi al riconoscimento dei gesti, nonché risorse ingegneristiche. Gesture Tek, a sua volta, rimane il proprietario dei beni relativi all’area di business dei touch screen per spazi pubblici e Firma digitale.

I piani sono dettagliati nella nota ai media, ma le società non anticipano gli importi coinvolti nella transazione.

Da oltre 25 anni sul mercato, Gesture Tek ha esperienza nell’implementazione di sistemi per il riconoscimento di gesti umani da parte di macchine in aree che vanno dai dispositivi mobili, all’intrattenimento, alle cure mediche o al dettaglio.

La sua tecnologia di controllo dei gesti video consente agli utenti di controllare i contenuti multimediali, accedere alle informazioni e manipolare effetti speciali o “entrare” in un’esperienza immersiva in un mondo virtuale 3D, solo attraverso il movimento dei membri, impartendo comandi. Il suo software e i suoi brevetti erano, ad esempio, concessi in licenza per l’uso da Xbox 360 e Sony.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico