javascript contador Skip to content

Sony abbassa le previsioni sugli utili per il 2011

Sony abbassa le previsioni sugli utili per il 2011

Oggi Sony ha presentato ufficialmente le previsioni per l’anno fiscale in corso, iniziato il 1 aprile. I profitti previsti sono stati rivisti al ribasso, attestandosi ora a 80 miliardi di yen (697 milioni di euro) – al di sotto della soglia di 115 miliardi di yen (miliardi di euro) che rappresentava la previsione media degli analisti contattati, per esempio, da Bloomberg.

Gli attacchi ai sistemi informatici dell’azienda, con la conseguente temporanea chiusura dei servizi di supporto online per console e contenuti multimediali, e il violento terremoto e tsunami che ha ostacolato la produzione nelle fabbriche del gigante giapponese sono stati identificati come due delle principali cause delle nuove stime – che la società ha confermato oggi, dopo che i risultati preliminari sono avanzati lunedì.

I costi associati agli attacchi informatici sono ora stimati a 14 miliardi di yen (122 milioni di euro), che si riflettono nei risultati dell’azienda, che prevede un aumento delle perdite nette a 260 miliardi di yen (2,27 miliardi) euro). Persino prevedendo un aumento del 4,4 per cento del valore delle vendite, che dovrebbero raggiungere i 7,5 miliardi di yen (65,36 miliardi di euro) entro la fine dell’anno fiscale.

Si prevede che i profitti operativi rimarranno a 200 miliardi di yen (1,74 miliardi di euro), mostrando quindi poche variazioni rispetto all’esercizio chiuso al 31 marzo, quando ha registrato 255,8 miliardi di yen ( 2,23 miliardi di euro). Allo stesso tempo, le vendite sono state di 7,24 miliardi di yen (63 miliardi di euro).

Il numero di televisori venduti quest’anno dal produttore – un’area che fatica a realizzare profitti – dovrebbe essere di 27 milioni di unità, 4,6 milioni di dispositivi in ​​più rispetto all’anno precedente, quando ha venduto 22,4 milioni di unità.

Si stima che i profitti nei dispositivi, nelle imprese di consumo e nelle aziende, inclusi LCD, TV, telecamere e semiconduttori, aumenteranno, aiutati dalla riduzione dei costi e dall’aumento delle vendite di televisori, secondo le stime dell’azienda.

Anche per quanto riguarda le console di home entertainment, le vendite dovrebbero superare quelle registrate un anno prima. Quindici milioni di PlayStation 3 indicano quanto Sony prevede di vendere tra il 1 ° aprile 2011 e il 31 marzo 2012. Nello stesso periodo ha venduto 14,3 milioni di unità.

Tra le console portatili, si prevede un calo, da otto milioni di unità vendute lo scorso anno, a sei milioni quest’anno fiscale e per i risultati del mercato dei videogiochi si prevede che saranno simili a quelli raggiunti nello stesso periodo: 211 milioni di unità.