javascript contador Skip to content

Tecnologia portoghese dimostrata al Keynote do Mix

Tecnologia portoghese dimostrata al Keynote do Mix

La specializzazione nello sviluppo di modelli per le piattaforme .Net di Microsoft ha dimostrato di essere gratificante per Bind, una società portoghese con sede a Vila do Conde. Nell’ultimo anno l’azienda ha creato una piattaforma online per la personalizzazione dei temi per Sharepoint, Orchard e DotNetNuke, Bind Tuning, che gli è valsa il diritto a una dimostrazione durante nota fondamentale della conferenza Mix, che si svolge a Las Vegas.

La dimostrazione è stata fatta dal team di Scott Guthrie, vicepresidente della Divisione sviluppatori Microsoft, che ha mostrato la versione 1.1 del progetto Orchard, il sistema di gestione dei contenuti open source Fondazione Outercurve (precedentemente CodePlex Foundation).

Il video è disponibile in linea e riprodotto di seguito, con la demo di Bind Tuning che inizia alle 1:07:40.

Il momento clou della conferenza principale sullo sviluppo Web di Microsoft, che ha oltre 5.000 partecipanti e webcast in diretta, ha avuto risultati immediati, come ha dichiarato TeK Beatriz Oliveira a TeK. “È stato un momento unico, dal momento che non ci sono mai state aziende portoghesi referenziate con tale visibilità in questo evento, con questa dimensione fino ad ora”, sottolinea il fondatore dell’azienda.

Oltre a una crescita esponenziale dell’accesso al servizio Bind Tuning e alla popolarità su Twitter, la società viene contattata da numerosi media internazionali, il che consente di anticipare una maggiore proiezione del progetto.

Beatriz Oliveira ammette che il fattore di differenziazione di Bind è stato il suo lavoro per le piattaforme di gestione dei contenuti di Microsoft, che gli aveva già guadagnato spazio riservato in alcuni dei principali mercati in quest’area, ma la piattaforma di configurazione dei modelli sviluppata in nell’ultimo anno ha caratteristiche innovative che sono state evidenziate a Las Vegas.

“Bind Tuning consente ai clienti di configurare tutti i temi e non solo un numero limitato, consentendo la generazione per tutte le piattaforme Microsoft”, spiega, aggiungendo che l’intenzione dell’azienda era di democratizzare l’accesso a questi modelli, che sono molto più più economico di quelli normalmente in vendita per Sharepoint e DotNetNuke.

“Questo configuratore ci consente di fare un salto di qualità e una maggiore flessibilità nel lancio di nuovi temi”, giustifica il responsabile di Bind.

La società ha pianificato la possibilità di aprire la piattaforma alla comunità, permettendo progettisti pubblicare il proprio Bind Tuning modelli commercializzare, ma questo è un secondo passo del progetto che non ha ancora fissato una data per andare avanti e dovrebbe avvenire “entro la fine dell’anno”.

Fatima Hunter