javascript contador Skip to content

Twitter accusato di nuocere alla concorrenza

Twitter accusato di nuocere alla concorrenza

La Federal Trade Commission degli Stati Uniti sta indagando su Twitter. Alla base dell’indagine vi sono preoccupazioni relative alle pratiche di mercato dei social network.

In particolare, FTC sta studiando il rapporto tra Twitter e le società indipendenti che sviluppano applicazioni per il social network. Nella primavera dello scorso anno, il social network ha dichiarato che avrebbe iniziato a rendere disponibili le versioni ufficiali delle applicazioni per la piattaforma.

Attraverso acquisizioni, la strategia annunciata è continuata e, lungo la strada, ha bloccato l’accesso di alcune applicazioni di terze parti alla piattaforma, decisioni che la FTC ora vuole analizzare e comprendere se stanno violando le leggi sulla concorrenza.

Ubermedia è, per ora, l’unica società che afferma di essere stata contattata dall’agenzia americana, aggiungendo che è disponibile a collaborare all’inchiesta. Twitter e FTC non commentano la questione.

Si ricorda che quando a maggio Twitter ha annunciato l’acquisto di TweetDeck, l’accordo è stato visto con una certa sorpresa, poiché circolavano voci sull’interesse di Ubermedia nella società che gestisce l’applicazione con lo stesso nome, ricorda Business Insider, che fa avanzare le informazioni sull’inchiesta.

Secondo gli ultimi dati ufficiali, pubblicati giovedì scorso, gli utenti di Twitter pubblicano ogni giorno 200 milioni di voci sul servizio, rispetto ai 60 milioni registrati nel 2009, nello stesso periodo.

I dati cercano di dimostrare che il servizio continua a essere dinamico e in crescita, anche se questo non ha ancora rappresentato un grande potenziale di guadagno, un motivo che ha portato Twitter a cambiare la sua strategia per quanto riguarda le applicazioni che migliorano l’uso della piattaforma, creando tali applicazioni ufficiali.