Veicoli spaziali della NASA per utilizzare un combustibile "verde" più sicuro per gli astronauti

Veicoli spaziali della NASA per utilizzare un combustibile “verde” più sicuro per gli astronauti

La NASA sta lavorando a una nuova composizione di carburante per rendere i viaggi più sicuri per gli astronauti, oltre ad accelerare l’intero processo di decollo. Questo perché fino ad ora il carburante era composto da idrazina, una sostanza essenziale nella composizione del carburante, ma altamente infiammabile e pericolosa da maneggiare. Il suo utilizzo ha richiesto particolare attenzione nel processo di approvvigionamento, rallentando significativamente il processo di lancio dei rispettivi missili.

Il nuovo veicolo spaziale della NASA utilizzerà una miscela di nitrato di idrossido di ammonio e un ossidante per effettuare la combustione, che secondo la NASA è un propellente “verde”. Per sfruttare tutti i vantaggi di questo carburante, gli ingegneri hanno dovuto sviluppare nuovo hardware, da eliche, serbatoi, filtri e valvole.

L’agenzia spaziale americana lancerà il veicolo spaziale a bordo di un SpaceX Falcon Heavy Rocket e intende testare manovre come la discesa dell’orbita e la stabilizzazione dell’altitudine.

I tecnici affermano che oltre ad essere sicuro, il nuovo carburante offre prestazioni superiori di circa il 50%. Ciò significa che per una determinata missione sarà necessario meno carburante o andare oltre con lo stesso importo di prima. Inoltre, utilizzando meno carburante, sarà possibile ottenere più spazio utile per il carico, che sarà essenziale per le missioni sulla Luna e su Marte che si trovano nelle vicinanze dell’Agenzia.

La nave sfrutterà il viaggio da Falcon Heavy Rocket, a fine giugno, che trasporterà la “vela solare” LightSail 2 per i test nello spazio.