javascript contador Skip to content

Via Verde avverte di frodi su Internet

La Terra "rilascia gas" verso la Luna ogni mese

(Aggiornato) Via Verde ha lanciato un avviso di frode su Internet in relazione al suo servizio di pagamento automatico sulle autostrade. Secondo la società, il sito Web fraudolento potrebbe compromettere “la privacy e la sicurezza dei clienti e danneggiare i loro interessi”.

Sul sito web vengono offerti 1.000 euro di biglietti via Verde, che invogliano gli utenti ad abbonarsi ai servizi e a fornire informazioni personali, come nome completo, telefono cellulare e e-mail.

La compagnia avverte che “la presunta offerta di € 1000 da utilizzare per i biglietti su Via Verde è promossa da entità totalmente estranee a Via Verde e Via Verde, l’8 agosto di quest’anno, ha respinto qualsiasi collaborazione su questo progetto”. E così procederà con una causa contro gli organizzatori.

  Immagine fornita da Via Verde di quel sito in allerta

Immagine fornita da Via Verde di quel sito in allerta

L’entità ricorda inoltre che non invia e-mail o partecipa a campagne condotte da terzi che richiedono dati personali ai propri clienti.

“I fatti di cui sopra, così come i siti Web coinvolti, sono di esclusiva responsabilità delle entità incluse nella politica sulla privacy ivi contenuta”, afferma il comunicato stampa.

La società avverte inoltre i clienti di Via Verde di non abbonarsi ai servizi pubblicizzati, affermando che “reagirà legalmente e in conformità con la legge portoghese al fine di garantire i suoi interessi e quelli dei suoi clienti”.

Nell’avviso inviato alla stampa, Via Verde non menziona mai il collegamento al sito Web, né il nome dell’azienda che organizza la competizione, ma una rapida ricerca su un motore di ricerca conduce facilmente alla pagina.

La frode non costituisce il modello “tradizionale” in cui gli hacker costruiscono siti che utilizzano l’immagine dei servizi, perché qui viene utilizzato solo il nome e non il logo dell’azienda, anche se l’indirizzo utilizzato è www.estradas-portugal.com.

Ma Via Verde rimane vigile e contestante, anche perché afferma di essere stato contattato e rifiutato di partecipare al concorso, che presumibilmente offre un anno di biglietti autostradali al limite di mille euro per utente.

Sul sito Web del concorso si dice che il concorso è organizzato da 2waytraffic, una società del gruppo Sony Pictures Entertainment, secondo le informazioni disponibili sul sito Web istituzionale, che indica anche i contatti in Portogallo.

TeK ha già contattato 2waytraffic, ma non ha ricevuto risposta fino al momento della pubblicazione di questa notizia.

Scritto ai sensi dell’Accordo ortografico

Nota dell’editore: [17:58] La notizia è stata aggiornata con ulteriori informazioni ottenute da Via Verde e dati raccolti nel frattempo sull’hobby in questione e sull’azienda.

Fatima Hunter