Youtube vuole più protezione per i bambini e "assume" 10.000 moderatori

Youtube vuole più protezione per i bambini e “assume” 10.000 moderatori

Queste misure seguono un articolo pubblicato sul quotidiano britannico “I tempi“, in cui si affermava che le pubblicità di grandi marchi, come Adidas, Amazon e Mars, apparivano sui video di YouTube di bambini e adolescenti, pieni di commenti pedofili.

Diversi inserzionisti, come la società di computer HP, hanno deciso di interrompere la pubblicità su YouTube per questo motivo e la piattaforma video “ha eliminato diverse centinaia di account e oltre 150.000 video” con problemi.

Youtube ha anche avanzato con la censura dei video che utilizzano cartoni animati per bambini in scene violente, sessuali o inquietanti, se segnalati, rendendoli inaccessibili agli utenti di età inferiore ai 18 anni e alle persone che non dispongono di un account YouTube.

Questa politica è stata avanzata dopo una pubblicazione di James Briddle, sul blog Medium, sono diventati virali riportando scene che, apparentemente, sarebbero state “intrattenimenti per famiglie”, ma che hanno mostrato scene inquietanti, che, secondo lo scrittore “sono usate per spaventare, traumatizzare e abusare dei bambini”.

La piattaforma video indica sulla sua pagina che se l’utente considera i contenuti inappropriati, dovrebbe utilizzare il “strumento di segnalazione inviarlo per la revisione da parte del team di YouTube “per verificare che” vi sia una violazione delle regole della community “.

Negli ultimi 12 mesi, varie azioni realizzato dalla piattaforma video con l’obiettivo di “proteggere la community di YouTube”.